Alla lista dei rischi di morte nei pazienti diabetici si aggiungono le malattie infettive. I pazienti diabetici presentano, infatti, un aumentato rischio di mortalità per infezioni, le quali si presentano decisamente più severe e spesso tendono a complicarsi rispetto a quelle della popolazione generale. Le basi fisiopatologiche di questa associazione sono molteplici, tra le principali si annoverano le alterazioni della immunità dovute al diabete e le alterazioni microvascolari. Inoltre, l’emergere di batteri comuni multiresistenti rende lo scenario più inquietante. Tra le condizioni più severe e frequenti che si associano al diabete la più temibile è quella rappresentata dalla sindrome del piede diabetico, che può iniziare come un’infezione di cute e tessuti molli ed evolvere verso l’osteomielite fino a necessitare di amputazione nei casi più gravi. Si verifica nel 15-25% di tutti i pazienti con diabete e circa 1/4 delle persone con piede diabetico sviluppa una complicanza che va dalla semplice infezione cutanea, all’osteomielite fino all’amputazione. La neuropatia e l’angiopatia determinano anche un maggiore rischio di infezioni cutanee sia batteriche che fungine, anche a carico delle mucose, in cui la Candida albicans sembra essere il patogeno con maggior prevalenza. In tali pazienti sono comuni anche le infezioni a carico dei tegumenti, causate da dermatofiti come la dermatofitosi cutanea e l’onicomicosi, nonché la Tinea pedis. Nel caso delle vie urinarie, i pazienti diabetici risultano avere un rischio più elevato per infezioni più gravi e complicate, come pielonefrite, ascessi renali, necrosi papillare e sepsi.
Scopo di tale FAD è quello di fare una disamina approfondita del legame tra infezioni e patologia diabetica.

Programma del Corso
Modulo 1 – Il rischio infettivo nel paziente diabetico
Modulo 2 – Inquadramento clinico delle infezioni più comuni nel paziente diabetico
Modulo 3 – Profilassi e trattamento delle infezioni nel paziente diabetico

Autore e responsabile scientifico
Dr.ssa Ada Maffettone

Medico di Medicina Interna, Responsabile ambulatorio metabolico, Medicina Cardiovascolare e Dismetabolica, AO Ospedali dei Colli Monaldi, Napoli

Ci sono 423 commenti, e tu?

Lascia un commento

Ultimi commenti

  1. SILVIA FRIXIONE ha detto:

    Molto ben strutturato, chiaro, sintetico ed esaustivo. Svolto con estremo piacere ed interesse

  2. Antonino Catalano ha detto:

    corso molto utile e ben strutturato

  3. chiara olivetti ha detto:

    corso molto scorrevole ,piacevole ed utile alla attivita’ ambulatoriale

  4. Silvio Zanardelli ha detto:

    Ottimo corso di aggiornamento

  5. GELLI GIUSEPPE FABRIS ha detto:

    MI E’ PIACIUTO MOLTO. CHIARO ED EFFICACE

  6. ELIA De Maria ha detto:

    Complimenti, utile anche per un cardiologo che in questo modo aumenta la sua consapevolezza rispetto a questa importantissima tematica

  7. maria cristina ardizzone ha detto:

    ecm utile !

  8. Erminio Fabrocini ha detto:

    corso utile ed esaustivo

  9. alessandra collosi ha detto:

    Lavorare molto di + sulla prevenzione della malattia piu’ che sulla sua terapia.

  10. Silvia Ciocci ha detto:

    corso utile, interessante e ben strutturato, complimenti